LACK00 danish lab - Perchè gli oggetti lasciano il tempo che trovano

Lab -> blog

Milvio Ponte vs Lack00

Ci rimbocchiamo le maniche dopo la prima debacle a Ponte Tazio. Settembre 2014.

La dimensione "mercatino" è necessaria (ok, forse, boh) ma la nostra indole è un'altra anche se non sappiamo ancora quale esattamente.

Oggi scendiamo in campo e giochiamo contro lo storico Ponte Milvio.

Sembra come una metafora proprio sotto l'Olimpico.

Giochiamo sui social tirando fuori immagini di Laudrup e Elkjær.

Le poltrone accompagnano sempre i biglietti da visita.

Ma stavolta esibiamo fieri la nostra prima libreria.
 

C'è anche un oggetto non identificato dall'incredibile patina cerulea che per la famosa "sindrome dell'abbandono" (vedi post "Ponte Tazio - La prima volta") rapirà da lì in poi il mio cuore al posto della poltrona a righe dal bracciolo bruciato. 

E pensare che avevo tentato di imparare a...restaurare. Pensiero durato una settimana. Giovanni aka "Jedi Master Jedi" -  ovvero il nostro restauratore - ancora ride quando ripensa ai miei pollici non opponibili.

Eppure il lavoro su quella credenza di un azzurro incredibile è sicuramente servito come team building: mentre lui restaurava, io cucinavo carbonare.

Ma il ricordo di Ponte Milvio è legato indissolubilmente alla nostra prima libreria.

Non facemmo in tempo a rientrare in Lab che iniziò un piacevole scambio di mail con Benedetta da Pisa, interessata proprio alla libreria. Poco dopo confermò la sua richiesta e noi decidemmo di non spedirla bensì di affittare un furgone, caricarla insieme ad un'altra credenza alta e partire verso Pisa per una gita fuori porta e tornare la sera.

Successe qualcosa di..."magico" fra lo scambio di mail (forse) ed il nostro arrivo.

Margherita (la figlia di Benedetta e Cristiano) al nostro arrivo ci aprì la porta regalandoci il disegno della sua nuova libreria che tanto stava aspettando e nel giro di pochi minuti ci ritrovammo tutti insieme, famiglia al completo compresi i nonni, con le gambe sotto al tavolo e kg di tortelloni fatti in casa sopra la tovaglia.

Un pomeriggio dalle sensazioni umane forti, tante, e il ritorno verso Roma assorti ognuno nelle proprie percezioni nei confronti della vita.

E poi nessuno sapeva che proprio mentre eravamo lì la piccola Margherita avrebbe ricevuto dalla mamma mesi dopo un altro regalo ancora più grande... il piccolo Ruggero :))

 

#blog_Smørrebrød
Lascia qui il tuo commento
Dichiaro di aver preso visione delle condizioni generali e dell'informativa privacy autorizzando il trattamento dei miei dati personali
Ponte Tazio - La prima volta
Ponte Tazio 2 - la vendetta della poltrona nera
Ponte Tazio 3 - la fine di una saga
The secret garden
La "Danish DesignExhibition" @DuilioSecondo