LACK00 danish lab - Perchè gli oggetti lasciano il tempo che trovano

Lab -> blog

Sideboard vs Credenza o Lack00 vs G ?

Ciao mi chiamo Claudio e dal terzo liceo sono Lack00.

Da qualche anno anche i danesi sanno chi è Lack00 ma preferiscono chiamarmi solo con il mio nome.

Quella di oggi voleva essere una missiva riguardante la percezione che avete voi di un mobile danese, soprattuto se non lo avete mai visto dal vivo, e nello specifico voleva affrontare la differenza della vostra percezione di fronte ad una credenza bassa rispetto ad una credenza alta, dandovi poi il nostro punto di vista tecnico.

Ma alla fine anche oggi la mano che scrive ha seguito come sempre la parte irrazionale che ha visto un'immagine riaffiorata dai ricordi dentro un apparecchio che non uso quasi più dove ci sono conservati gelosamente 6 adesivi verdi con il mio nome scritto sopra.

Ho firmato assegni, giustificazioni e mutui ma il giorno che mi sono divertito di più a scrivere il mio nome fu proprio quando rimasi chiuso con Il Giapponese in una stanza in Danimarca con quegli adesivi verdi in mano.

Il Giapponese. Aveva anche una valigietta nera. L'ho sempre immaginato sbarcato dal cielo insieme agli altri tre di Grosso Guaio a China Town. Solo che io di Kurt Russell in quel momento non avevo neanche il capello folto.

Si trattò di una lotta a colpi di adesivi. Chi più ne metteva vinceva. Facile.

Facile se hai una valigetta nera. Io non avevo neanche il portafoglio.

G (abbreviato) oltre la valigetta nera aveva anche gli occhiali neri, ovviamente. Era leggermente sudato. Io invece completamente congelato nonostante il doppio maglione addosso. Era l'ottobre del 2014 nei giorni della mostra su Wegner.

La stanza era molto grande e sembrava il forziere di Paperon de' Paperoni.

Avevo un appuntamento fissato da settimane ma non sapevo altro, neanche che avrei trovato G.

Sapevo invece che avrei trovato mobili danesi accatastati l'uno sull'altro. Pile altissime, poca la polvere, zero il restauro. Nonostante i graffi e le macchie avevo davanti agli occhi una potenza di fuoco imbarazzante. Mi veniva da piangere dalla gioia. Era la prima volta che portavo il fuoco (non sono metaforicamente) con me. 

Ci danno due rotoli a testa. G rosso, Lack00 verde.

G non fa in tempo ad avere in mano il suo rotolo con scritto SOLD che inizia a camminare a passo sveltissimo, si arrampica ovunque e soprattutto attacca una quantità impressionante dei suoi adesivi rossi. Diciamo che vedevo rosso ovunque. Tipo il tavolo del Risiko su scala milleplicata.

Compare sparisce sbuca ovunque silenziosamente. Mi sorpassa due volte. La seconda mi sorride.

Io invece resto serio. Non perchè ho palesemente perso la sfida ma perchè gli faccio con le dita: "6". 

Avevo messo 6 SOLD su 6 sideboard, stavo "seriamente" per svenire.

Il tizio danese mi fa il segno "ora metti anche il nome sopra grazie". G si lascia scappare una risata, piccola.

Io rido ad entrambi. Cioè gli mostro i denti ridenti sarcasticamente ridenti e penso "bravi bravi siete tutti bravi".

Li riconto. Sono proprio 6 SOLD.

#blog_Viaggi
Lascia qui il tuo commento
Dichiaro di aver preso visione delle condizioni generali e dell'informativa privacy autorizzando il trattamento dei miei dati personali
La Kulturnatten e i 100 anni di Wegner
Un mese in Danimarca - parte 1
Bruxelles ed il Design Market
Amsterdam ed il Design Icons
L'intervista definitiva di Lack00 al DanishLab - 1° parte
L'intervista definitiva di Lack00 al DanishLab - 2° parte